Eva, di Kike Maíllo

film Eva, di Kike MaílloFilm del 2011 decisamente interessante, forse leggermente scontato nella trama ma ben diretto e ben interpretato. E malinconinco il giusto. La storia è ambientata in un futuro dove i robot umanoidi fanno ormai parte del vivere quotidiano. Protagonista è Alex, ingegnere cibernetico tornato nella sua città natale dopo una lunga assenza e convocato dalla direzione del locale istituto di robotica. Lo scopo è quello di proporgli un progetto inerente la creazione di un bambino robot alternativo, dal carattere più “umano”. Compito non facile, visto che gli esperimenti in tal senso effettuati fino a quel momento avevano portato alla creazione di androidi potenzialmente “pericolosi”. Alex accetta l’incarico, prosecuzione di un suo vecchio lavoro, e decide di usare come modello umano Eva, figlia di Lana, sua ex collega e fidanzata.
Produzione Ispanico/Tedesca per un film dal budget umano e dal cast totalmente europeo: n’è venuto fuori un ottimo prodotto, superiore a molti altri film di provenienza statunitense dello stesso genere, dove si bada più agli effetti speciali che al risultato d’insieme.
Ora, mi preme parlare di questo film per un altro motivo: uno spende centinaia di euro all’anno per pagarsi un abbonamento a Sky o a Mediaset, poi scopre che nei canali gratuiti del digitale terrestre vengono trasmessi autentici capolavori, anche in prima visione. Eva infatti è stato trasmesso da Rai Movie, e non è la prima volta che le emittenti televisive gratutite con contenuti prettamente cinematografici mi sorprendono con la trasmissione di film inediti e di qualità assoluta. Vale la pena tenere ben presente questa cosa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *