Michel Houellebecq, Sottomissione

Gran bel libro, non c’è che dire.
Come tutti quelli che leggono e s’informano, anche soltanto su internet, anch’io avevo abbondantemente sentito parlare di Michel Houellebecq, soprattutto per il romanzo Le Particelle Elementari, dal quale è stato tratto l’omonimo film di successo, e per la polemica sorta attorno a questo Sottomissione, uscito in Francia nello stesso giorno degli attentati a Charlie Hebdo.
Si, perché il tema principale di questa distopia (o possibile utopia?), ambientata in un futuro molto vicino al nostro presente, è quello della possibile islamizzazione della Francia e dell’intera Europa.
Il punto di vista è quello di François, docente universitario nonché massimo studioso di Huysmans, scrittore proto-decadente poi convertitosi al cattolicesimo. Per quanto poco sappia di Houellebecq mi sembra di poterlo considerare un’alter ego del protagonista, che narra la propria vicenda in prima persona. François vive la sua vita con un certo disincanto e con una moralità non particolarmente attenta alle istanze che religione, società civile e politica vorrebbero imporgli nell’epoca del politicamente corretto. Un quarantenne andante verso i cinquanta, sessualmente goloso e attivo, fondamentalmente maschilista, e che non si fa scrupoli a sfruttare la sua posizione e il suo fascino per sedurre ragazze con la metà dei suoi anni. Tra queste, l’unica per la quale ha provato dei sentimenti prossimi all’amore è stata la ventiduenne Myriam, ebrea dal nome (volutamente?) cristiano, tanto brava a letto quanto caritatevole nei confronti del suo amante. Ma l’amore di Myriam non può essere per sempre e in preda alla solitudine e lontano dalla grazia di Dio, François si ritroverà a fare delle scelte in una Francia retta da un Musulmano, un’Europa destinata al cambiamento, una civiltà votata alla Sottomissione. Trovandovi, a suo modo, l’opportunità di assecondare il proprio ego.
E qui mi fermo altrimenti rivelo troppo, la qual cosa non mi piace per nulla. Leggetelo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *