Tag Archives: Aron Karo

Aaron Karo, Mi Chiamo Chuck

Ok, forse sto esagerando nel dar retta ai consigli di Amanzon. Attirato dalla sinossi, dal basso costo e dal fatto d’essermelo visto proporre diverse volte per email, mi sono lasciato convincere a comprare la versione ebook di questo romanzo dell’esordiente (e quindi sconosciuto) Aron Karo.
Chuck è il nome del protagonista, giovane americano all’ultimo anno di liceo. Chuck è uno sfigato, il tipico esempio di ragazzo “non-mi-si-fila-nessuno” protagonista di migliaia di filmetti made in USA, e in quanto tale viene snobbato da cheerleader e ragazze “popolari” (tra le quali sua sorella, che detesta), e vessato dai bulletti/atleti con il Q.I. prossimo allo zero ma con le ragazze di cui sopra prostrate in adorazione. Il miglior amico di Chuck è anch’esso un emarginato sparaballe con quale passare pomeriggi interi pomeriggi a giocare ai videogame. Insomma: tutti i classici luoghi comuni di quel tipo di cinema, al netto di sesso, sbronze, canne e droghe varie che invece in questo romanzo non compaiono mai, o quasi.
Per quale motivo allora mi sono convinto a leggere e (MIODDIO) finire questo libro? Perché Chuck, nella sua sfiga cosmica, è affetto da sindrome da disturbo ossessivo compulsivo, e per tanti motivi le storie che vedono per protagonisti adolescenti con problematiche psico fisiche hanno sempre catturato la mia attenzione.
Il disturbo costringe Chuck a comportarsi in modo bizzarro, il che non si esaurisce soltanto nel lavarsi le mani compulsivamente (tipico sintomo del disturbo OC). Come veniamo a sapere fin dalle prime righe, Chuck ha un quaderno dove tiene il conto delle pippe che si spara, e lo dice esattamente in questi termini. Controlla il gas una quindicina di volte prima di prendere sonno, anche se a casa sua in cucina hanno le piastre elettriche. Indossa soltanto All Star di colori diversi, uno per ogni stato d’animo.Aron Karo,  Mi chiamo Chuck I sintomi, esposi sempre in tono fin troppo leggero e mai melodrammatico, si aggravano a tal punto per cui si renderà necessario l’intervento di una psichiatra. Nel frattempo Chuck si innamora follemente di una nuova compagna di scuola (altro luogo comune tipico di quei film: quello della famiglia errante che costringe i figli a cambiare scuola e amici), che cercherà di conquistare senza rivelarle le sue imbarazzanti manie. Riuscirà nel suo intento?
Il libro l’ho letto in pochissimo tempo, e se ci si fa piacere il linguaggio da teenager, i luoghi comuni abusati e la banalizzazione delle situazioni drammatiche, bè (sorpresa!): alla fine si rivela una lettura piacevole. Non scherzo.