Il Canile, incipit

Writers Magazine Italia 47Ebbi l’ispirazione per questo racconto di notte, nel dormiveglia, e miracolosamente me lo ricordai la mattina dopo. In realtà i racconti erano due, ma il secondo (sicuramente il capolavoro che mi avrebbe fatto ottenere fama e successo internazionale) non riuscii a ricordarlo. Comunque, questo è stato il primo racconto “sensato” che ho scritto da quando la Delos ha sospeso la collana di antologie della serie 365 Racconti. La misura è sempre quella delle 2000 battute. Decisi di tenerlo da parte, con l’auspicio che magari, prima o poi, sarei riuscito a utilizzarlo per qualche selezione. Nel frattempo lo feci leggere a mia moglie, in due tempi. Dopo aver letto l’incipit disse: “Mi piace…”. Poi glielo feci leggere tutto, e esclamò: “È bruttissimo!”. Era proprio la reazione che speravo…
L’occasione per tentare la strada della pubblicazione me l’ha data la Writers Magazine Italia, con il suo Speciale SF N. 3.
Il racconto è stato selezionato subito, al primo tentativo, e questo credo ne confermì la bontà… spero.
La rivista è disponibile presso lo store dell’editore o su Amazon.

Incipit
il canile– Non avremmo preso una decisione avventata?
– Ne abbiamo già discusso. Vuoi che ripeta per filo e per segno tutte le tue lamentele?
Lei parve rabbuiarsi, voltò il capo verso il finestrino dell’auto e rimase così per qualche minuto, assorta.
D’un tratto parve ridestarsi.
– Le mie non erano lamentele.
Lui rallentò l’andatura, in modo da poterle sbirciare il volto, continuando a tenere sotto controllo la strada.
– Anch’io mi ci sono affezionato, non pensare che sia così insensibile. – Il suo tono di voce s’era addolcito.
– Non erano lamentele, – ribadì lei. Fece una pausa, si voltò a guardarlo e disse: – Però avrei voluto un po’ più di collaborazione da parte tua, tutto qua.
Chinò leggermente il capo e si lisciò i lunghi capelli, poi proseguì: – Riconosco che quando abbiamo deciso di prenderlo con noi non eravamo consapevoli di quello che ci attendeva. L’abbiamo visto impaurito e indifeso dentro la gabbia e ci siamo fatti intenerire…

Se sei interessato alla pubblicazione del racconto, contattami tramite questo link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *