Tag Archives: Tommaso Pincio

Segnalo questo ottimo articolo, che Tommaso Pincio pubblica nel suo Blog. Articolo inizialmente autobiografico, e che apre con l’omicidio di John Lennon. Mi ricorda l’incipit de La Trasmigrazione di Timothy Archer, ultimo romanzo scritto da Philip K. Dick, e anch’esso ampiamente autobiografico.
Si parla anche di India, dove Horselover Fat – alter ego schizofrenico di Dick – si recò alla fine di Valis, primo tomo della trilogia di cui La Trasmigrazione è l’opera ultima.
Ricordo di aver letto da qualche parte che John Lennon fosse interessato a produrre la trasposizione cinematografica di Le Tre Simmate di Palmer Eldritch. Doveva entrarci in qualche modo Timothy Leary, il santone dell’LSD
Le analogie (mie) finiscono qui e non c’entrano nulla col resto dell’articolo, che parla di tutt’altro – ossia del libro I Beatles in India di Lewis Lapham – e non menziona Dick neanche di sguincio…

Tommaso Pincio, Panorama

Dico subito che Tommaso Pincio ha scritto di meglio. Oltre al suo capolavoro, l’inarrivabile Un Amore dell’Altro Mondo, anche La Ragazza Che Non Era Lei e Cinacittà* mi sembra gli siano venuti meglio.
Tuttavia, se sono riuscito a leggere Panorama in pochissimo tempo, soffrendo di astinenza ogni volta che dovevo interrompere la lettura, non posso che ritenere anche questo romanzo l’ennesima prova riuscita dello schivo autore romano.
Mettiamola così: Pincio scrive maledettamente bene e non è mai banale. In più è impossibile non farsi piacere la sua riconoscibile e sottile ironia, caratterizzata da quell’impalpabile e altrettanto riconoscibile velo malinconico.
In Panorama, Pincio veste i comodi panni del biografo di Ottavio Tondi, lettore di professione e (ennesimo) alter ego letterario dell’autore.
Seguiremo le singolari vicende del protagonista che finirà per rinchiudersi nel social network orweliano Panorama, dove si innamorerà di Ligeia Tissot: bellissima e sfuggente ragazza o, come il nome lascerebbe intendere, parto della fantasia del protagonista?
Questa in estrema sintesi la trama del romanzo, anche se, a dirla tutta, i veri protagonisti della vicenda sono i libri, che Ottavio Tondi legge in continuazione, a casa sua o davanti alle telecamere TV, sempre allo stesso modo: in silenzio e comodamente seduto nel suo divano; da solo o in compagnia di una ragazza che, pagata per l’occasione, aggiunge emozioni decisamente carnali a quel puro esercizio intellettuale.
Chi conosce l’opera di Pincio non tarderà a scorgere in Panorama tutta una serie di vicende e personaggi già raccontati nei suoi precedenti romanzi. Le protagoniste femminili (la cui caratterizzazione, in questo Panorama, viene un po’ trascurata), le avventure erotiche, la strisciante depressione del protagonista, l’amore per l’arte e la letteratura, il tedio, l’accidia, le droghe, Roma… tutte cose già lette nei tre romanzi suddetti.
In fondo Pincio parla sempre di se, ma lo fa divinamente.

* Aggiungerei alla lista anche Hotel A Zero Stelle, che però non è un romanzo.

Tommaso Pincio – Cinacittà

Per la prima volta vengo colto dal “blocco del recensore”. Arrivato all’ultima pagina di Cinacittà mi trovo nella sgradevole situazione di non riuscire a capire se ho avuto ad che fare con una buona lettura o con qualcosa di facilmente dimenticabile.
Ci ho messo un po’ di tempo prima di decidermi ad acquistare questo libro. La storia mi sembrava poco interessante. Mi importa poco della Roma del prossimo futuro, riarsa da un sole infuocato e invasa dai cinesi. Non amo le storie che parlano di omicidi passionali. E se vogliamo dirla tutta, anche il titolo non mi piaceva per niente.
L’unico motivo per cui mi sono deciso a leggere l’ultima fatica di Tommaso Pincio è che, appunto, è di Tommaso Pincio, l’autore di uno dei pochi capolavori che la narrativa italiana sia riuscita a produrre in questo inizio di secolo, il bellissimo Un amore dell’altro mondo.
Con Cinacittà siamo sui livelli di La ragazza che non era lei, quest’ultimo forse un tantino più originale.
Ciò che più mi piace di Tommaso Pincio è il suo stile di scrittura: semplice, lineare, poco auto celebrativo, ironico. Sembra di leggere Kurt Vonneghut, più che Thomas Pynchon.
E’ facile intuire che molte pagine del libro hanno un’origine autobiografica. Se così fosse, la biografia di Pincio e simile a quella di molti giovani italiani: intellettualmente dotati ma privi di stimoli. Sognatori ai margini di una società dove altre qualità rendono una persona interessante: l’aspetto fisico, la ricchezza, il carisma, la popolarità.
Tommaso Pincio è riuscito a emergere, a venirne fuori. Ma quanti sono, quanti siamo, quelli rassegnati, quelli che non ce l’hanno fatta?